Un po 'più di storia! The Wildcat Foundation di Oriental Lines.

Negli anni '60, nei Paesi Bassi, Maria Falkena-Rohrle (Allevamento "van Mariendaal") si occupava dell'allevamento di piccoli gatti selvatici e gatti domestici. La regina fondatrice della sua razza orientale era un "gatto del deserto sudanese" (Felis silvestris rubida) e il suo carattere vigile di questo gatto è stato ereditato dai suoi discendenti tramite un gatto chiamato "Ruby".

Una famiglia olandese aveva riportato dal Sudan la madre di Ruby, un gatto selvatico sudanese e un biologo ha descritto l'animale come un "Felis silvestris rubida", una delle tante sottospecie del gruppo Silvestris. Felis silvestris rubida ha un gatto rossastro brunastro con segni più o meno deboli. L'esemplare portato in Olanda presentava solo macchie molto deboli.

Di ritorno nei Paesi Bassi, i proprietari hanno cercato di tenere il loro gatto selvatico come un normale gatto domestico. Questo ha funzionato nel senso che tornava sempre dai suoi lunghi viaggi lontano da casa, ma si è scoperto che stava sradicando i polli nelle fattorie circostanti. Quando la femmina sudanese si è accoppiata con un gatto soriano rosso locale e ha avuto 2 gattini, la famiglia ha deciso di sbarazzarsi di lei. La signora Falkena-Rohrle non è stata in grado di acquisire la femmina gatto selvatico, che prima si è recata in un piccolo zoo privato e poi al Tiergarten "Artis" di Amsterdam, ma le è stato concesso di avere le due femmine. Erano dolci e docili e apparentemente appena distinguibili dai gatti domestici. Avevano voci completamente diverse, un miagolio e uno strillo quando volevano qualcosa. Avevano anche canini significativamente più lunghi. I due mezzi sudanesi si chiamavano "Sylvi M. Callas" e "Ruby R. Tibaldi. "Sylvi stava per" silvestris "e Ruby per" rubida ". Le altre parti dei loro nomi erano i cognomi di famose cantanti femminili.

Sylvi è stato avvistato e assomigliava ai gatti nei dipinti egiziani del Louvre. Era molto più carina di sua sorella Ruby, che era più robusta e non così elegante. Il rubino aveva uno sfondo color sabbia e strisce grigio-nere interrotte in alcuni punti da segni più piccoli. Sylvi andò a Groningen con la figlia della signora Falkena-Rohrle e presto scappò. Il suo destino è sconosciuto. Ruby è stato allevato più volte. La sua prima cucciolata è stata con il maschio Abyssinain, Sothis, e ha prodotto Caruso che aveva un modello di trota molto piccolo (che è apparentemente mostrato in una sua foto), un fratello rosso e due sorelle. Caruso andò da una donna a Monaco che era un'amica della dottoressa Rosemarie Wolff che lo usò nell'allevamento. Una bellissima gattina, Colombina, è stata ospitata dai coniugi Taubert a Dusseldorf e sembra somigliasse molto a un abissino. Colombina ha compiuto 23 anni. Il figlio rosso di Ruby ha raggiunto almeno 21 anni, ma non ci sono dettagli sulla durata della vita di Caruso. Falkena-Rohrle ha attribuito la longevità all'afflusso di geni selvatici freschi.

Subito dopo la nascita, Caruso e le sue 2 sorelle sembravano quasi nere. Successivamente, i due gattini si sono trasformati in abissini esteriormente belli con strisce intorno alle zampe, come i primi abissini, ma con un ticchettio molto chiaro - descritto come triplice - su un caldo sfondo arancione-marrone. Ciò sembrava confermare la teoria della discendenza africana degli abissini.

La seconda cucciolata di Ruby è stata accidentale ed è stata generata da un gatto siamese dalla punta lilla. Ciò ha provocato gattini con segni piccoli e molto uniformi non macchiati di trote. Hanno ereditato numerosi colori e fattori di diluizione dal padre e nelle generazioni successive sono comparsi gattini con macchie nere, macchie di cioccolato (marrone), macchie di lilla e blu. Alla signora Falkena-Rohrle è venuto in mente che questo (croci abissino x gatto del deserto sudanese x siamese) potrebbe risolvere il problema di così tante persone che desiderano avere gatti dall'aspetto selvaggio, maculati con temperamenti mansueti. Tuttavia l'idea non è decollata. Ha esposto un bellissimo micio con macchie marroni chiamato "Choco Spot" all'International Cat Show di Amsterdam, ma quasi nessun visitatore si è preso la briga di guardarlo ei giudici lo hanno liquidato dicendo "Questo animale non appartiene a nessuna razza che conosco. Probabilmente è un ibrido e non ha nulla da cercare in una mostra felina. "

In retrospettiva sapeva che avrebbe dovuto allevare tre generazioni e lottare per il riconoscimento, ma ha deciso di non farlo. A quel tempo le pellicce di gatto erano di moda ed era terrorizzata dal fatto che avrebbe prodotto una razza maculata che sarebbe finita per essere allevata per la loro pelliccia, non come animali domestici. Invece, ha continuato a riprodursi dal suo ibrido di gatto selvatico e dalla sua prole, e quando sono nati gatti dello stesso colore con una buona conformazione siamese li ha registrati come orientali sperimentali e sono stati ben accolti. I neri divennero "Ebony", il marrone cioccolato divenne "Havanas" e c'erano anche gli orientali blu e lavanda. Aveva anche gatti Cinnamon prima che questi arrivassero in Inghilterra, il che significa che è stata la prima persona a produrre Cinnamon Orientals. Gli orientali della signora Falkena-Rohrle risalgono tutti a un gatto sudanese maculato: molti allevatori di gatti orientali probabilmente non si rendono conto che i loro gatti portano un afflusso relativamente recente di geni selvatici.

Foto del gatto selvatico FS rubida.